Siamo la società di Rete Ferroviaria Italiana incaricata di completare la realizzazione delle due nuove opere ferroviarie sulla linea Alta Velocità-Alta Capacità nell'area urbana di Firenze: il passante sotterraneo e la nuova stazione AV Firenze Belfiore.

Lavoriamo ogni giorno con l'obiettivo di migliorare il sistema di mobilità di Firenze e dell’intera area metropolitana dotando la città di nuove infrastruttura sostenibili, in gran parte in sotterraneo, in grado di preservarne gli equilibri urbanistici e ambientali.

Stazione AV Firenze Belfiore

E' nostro compito assicurare, oltre alle attività di costruzione del passante sottorraneo e della nuova stazione, la realizzazione delle opere accessorie e lo svolgimento delle attività di monitoraggio strutturale e geotecnico, nonché delle attività di protezione e di mitigazione ambientale relative ai cantieri e ai servizi di ingegneria necessari alla realizzazione del progetto.

La nuova configurazione della rete ferroviaria fiorentina farà sì che i treni ad Alta Velocità non interferiscano più con quelli regionali, con benefici in termini di regolarità della circolazione e di capacità delle linee di superficie, premessa di un potenziale incremento delle corse locali. I volumi di traffico su Firenze Santa Maria Novella potranno passare dagli attuali 438 treni al giorno fino a circa 650, con un potenziale aumento medio sulle varie linee di circa il 50%.

Grazie alle nuove opere sarà possibile raggiungere il capoluogo toscano con maggiore regolarità, velocità e frequenza, sia con i treni nazionali, inclusi quelli AV, sia con quelli regionali. La città, arricchita di una moderna stazione collegata a Firenze Santa Maria Novella, si doterà di un hub ferroviario che potrà integrarsi con gli altri sistemi di mobilità pubblica (tramvie, bus, taxi, ciclovie e percorsi pedonali), in coerenza con il Piano Urbano di Mobilità Sostenibile (PUMS), adottato dal Comune nel 2019. 

Le infrastrutture, realizzate in prevalenza in sotterranea, garantiranno un decongestionamento del traffico in superficie e una significativa riduzione dell’impatto ambientale.